Il MIUR, con la Nota prot. n. 17030, dell’1.9.2017, ha reso noto che, per facilitare il rispetto delle scadenza introdotte dalla legge n. 107/2015, il gestore del sistema SIDI, ha approntato un’apposita funzione (“Richiesta di ricostruzione di carriera”), fruibile tramite il portale delle istanze on line, attraverso la quale ciascun docente potrà inoltrare la domanda di ricostruzione di carriera alla propria istituzione scolastica di titolarità o sede di incarico triennale entro il 31.12.2017.

Inoltre, con un’altra apposita funzione del citato portale (“Dichiarazione servizi”), il docente potrà inviare alla scuola di titolarità o sede di incarico triennale l’elenco dei servizi utili ai fini della ricostruzione, validando quelli già inseriti a sistema o inserendo quelli che eventualmente non vi risultano, quelli svolti presso istituzioni scolastiche non statali o presso altre amministrazioni.

La scuola alla quale viene indirizzato l’elenco dei servizi, entro il 28 febbraio dell’anno successivo alla verifica dei medesimi presso le altre istituzioni scolastiche o presso le amministrazioni citate, avvalendosi anch’essa delle funzioni appositamente attivate a SIDI, emetterà il relativo decreto di ricostruzione se si tratta della scuola di titolarità o di incarico triennale del docente.

Le nuove funzioni per i docenti e per le scuole saranno disponibili dal 4 settembre 2017.

Si evidenzia, infine, che la legge n. 107/2015, all’art. 1, comma 209, ha previsto che:

  • le domande di riconoscimento dei servizi agli effetti della carriera del personale scolastico siano presentate al dirigente scolastico nel periodo compreso tra il 1° settembre ed il 31 dicembre di ciascun anno, ferma restando la disciplina vigente per l’esercizio del diritto al riconoscimento dei servizi agli effetti della carriera;
  • entro il successivo 28 febbraio di ciascun anno, ai fini della corretta programmazione della spesa, il MIUR deve comunicare al MEF attraverso il Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato le risultanze dei dati relativi alle istanze per il riconoscimento dei servizi agli effetti della carriera del personale scolastico.

Si allega una tabella sinottica.

Normativa di riferimento
  • Legge 13 luglio 2015, n. 107, art. 1, comma 209.
  • Nota Miur n. 17030 del 1° settembre 2017

La domanda di ricostruzione di carriera

I docenti assunti a tempo indeterminato nell’a.s. 2016/2017, che hanno superato il periodo di formazione e di prova, devono presentare al dirigente scolastico la domanda per la ricostruzione di carriera.

La domanda va presentata dal 1° settembre al 31 dicembre 2017.

A cosa serve

La ricostruzione di carriera è utile per l’inquadramento nel corretto scaglione stipendiale (gradone) in base ai servizi svolti prima dell’assunzione in ruolo.

La progressione economica del personale della scuola è articolata in 6 posizioni stipendiali (gradoni) legati all’anzianità di servizio (anni di ruolo + anni di servizio riconosciuti con la ricostruzione di carriera).

Il primo aumento stipendiale si consegue con il passaggio al secondo gradone dopo 8 anni, il terzo gradone dopo 14, il quarto dopo 20, quindi dopo 27 e l’ultimo gradone dopo 34 anni di anzianità.

Nuova modalità di presentazione della domanda

A far data dal 4 settembre 2017 è stata attivata un’apposita funzione (“Richiesta di Ricostruzione Carriera”), fruibile tramite il portale delle Istanze On Line attraverso la quale ciascun docente potrà inoltrare la domanda di ricostruzione di carriera alla propria istituzione scolastica di titolarità o sede di incarico triennale.

Con un’altra apposita funzione del portale delle Istanze On line (“Dichiarazione Servizi”) il docente potrà inviare anche l’elenco dei servizi utili ai fini della ricostruzione, validando quelli già inseriti a sistema o inserendo quelli che eventualmente non vi risultino.

I servizi valutabili

Per tutti i docenti sono utili i servizi scolastici prestati con il possesso del titolo di studio per almeno 180 giorni nel corso di un anno scolastico oppure se il servizio è stato prestato ininterrottamente dal 1° febbraio fino al termine delle operazioni di scrutinio finale, come prevede l’art. 11 della legge 124/1999.

Non sono utili i servizi prestati presso le scuole paritarie.

I servizi riconoscibili sono espressamente indicati dall’art. 485 del D.L.vo 297/1994.

Servizi riconoscibili al personale docente scuole di istruzione secondaria

Per il personale docente della scuola secondaria, sono riconoscibili i seguenti servizi:

  • servizio non di ruolo prestato nelle scuole dello stesso ordine (istruzione secondaria) statali (anche all’estero) o pareggiate (no parificate o legalmente riconosciute);
  • servizio di ruolo e non di ruolo prestato nelle scuole primarie statali e parificate (anche all’estero);
  • servizio di ruolo e non di ruolo prestato in attività di sostegno nelle scuole statali primarie e di istruzione secondaria.

Servizi riconoscibili al personale docente scuola primaria

Per il personale docente della scuola primaria, sono riconoscibili i seguenti servizi:

  • servizio non di ruolo prestato nelle scuole primarie statali o parificate;
  • servizio di ruolo e non di ruolo prestato nelle scuole secondarie statali o pareggiate;
  • servizio di ruolo e non di ruolo prestato scuole dell’infanzia statali o  comunali;
  • servizio di ruolo prestato nelle scuole primarie comunali.
  • servizio di ruolo e non di ruolo in attività di sostegno nelle scuole statali dell’infanzia, primarie e di istruzione secondaria

Servizi riconoscibili al personale docente scuole dell’infanzia

Per il personale docente della scuola dell’infanzia, sono riconoscibili i seguenti servizi:

  • servizio di ruolo e non di ruolo prestato nelle scuole dell’infanzia statali o comunali o regionali;
  • servizio di ruolo e non di ruolo prestato nelle scuole primarie statali o parificate;
  • servizio di ruolo e non di ruolo prestato nelle scuole secondarie statali o pareggiate;
  • servizio di ruolo e non di ruolo prestato in attività di sostegno nelle scuole statali dell’infanzia, primarie e di istruzione secondaria.

Servizi riconoscibili per tutto il personale docente

Per tutto il personale docente sono riconoscibili, inoltre, i seguenti servizi:

  • servizio di ruolo e non di ruolo prestato presso gli educandati femminili statali e i convitti nazionali statali;
  • servizio prestato nelle Università in qualità di:
    • professore incaricato
    • assistente incaricato o straordinario
    • docente ordinario
    • assistente ordinario
    • ricercatore
    • associato
    • contrattista in costanza di rapporto di servizio non di ruolo
    • lettore presso Università straniera con nomina del Ministero Affari Esteri
Successivi adempimenti delle istituzioni scolastiche

Le istituzioni scolastiche di competenza provvederanno entro il 28 febbraio dell’anno successivo alla verifica dei servizi prestati ed emetteranno il relativo decreto di ricostruzione di carriera.

 

PRECISAZIONI:

La piattaforma istanze on line per la ricostruzione carriera e dichiarazione dei servizi non è stata ancora completata e pertanto sono segnalati disservizi.

Inoltre si può scaricare il manuale per la DICHIARAZIONE DEI SERVIZI ma non è ancora disponibile quello per la RICOSTRUZIONE CARRIERA.

Pertanto si invitano  gli interessati ad attendere per la trasmissione della PRATICA RICOSTRUZIONE CARRIERA,quando il sistema POLIS funzionerà correttamente e in considerazione che la scadenza sarà 31/12/2017.

Quando la piattaforma sarà perfettamente funzionante sarà pubblicato in questo sito web  lo SPECIALE RICOSTRUZIONE CARRIERA a cura del Prof.Renzo Boninsegna.

Torna su